Adempimenti per l'ingresso in Italia ed in Umbria

Certificazione verde covid19: cosa cambia dal 1º Settembre 2021

Tutte le persone in arrivo in Italia, con qualsiasi mezzo di trasporto e per qualunque durata, prima del proprio ingresso nel territorio nazionale, sono tenuti a compilare uno specifico modulo di localizzazione passeggeri in formato digitale, digital Passenger Locator Form - dPLF, seguendo le istruzioni riportate nella sezione del sito del Ministero della Salute

Provenienza da:

Elenco A - Stato della Città del Vaticano e Repubblica di San Marino: non è prevista nessuna limitazione. Non è richiesta la Certificazione verde Covid-19 se il volo è nazionale e riguarda un viaggio tra Regioni in zona bianca o gialla (cioè a basso rischio). La Certificazione può essere richiesta dal "vettore" al momento dell'imbarco, se ci si sposta tra o verso Regioni a maggior rischio (zone arancioni e rosse). 

Elenco B - Al momento, nessuno Stato è ricompreso in questo elenco. Gli Stati e i territori a basso rischio epidemiologico verranno individuati, tra quelli di cui all'Elenco C, con ordinanza adottata ai sensi dell’articolo 6, comma 2. Sono consentiti gli spostamenti da e per questi Paesi senza necessità di motivazione.

Elenco C -  Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Finlandia, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Germania, Grecia, Irlanda, Israele, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira), Repubblica Ceca, RomaniaSlovacchia, Slovenia, Spagna (inclusi territori nel continente africano), Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco (Escluso il Regno Unito di Gran Bretagna e l'Irlanda del Nord). Il passeggero che ha soggiornato o transitato nei quattordici giorni antecedenti in un paese dell’Elenco C la normativa prevede che al rientro in Italia sia obbligatorio: 
▶ presentare la Certificazione verde COVID-19 rilasciata ai sensi del decreto-legge 22 aprile 2021, n.52, e dei Regolamenti UE 2021/953 e 2021/954 (Regolamenti in materia di EU Digital Covid Certificate) da cui risulti una delle condizioni:
1) aver completato il ciclo vaccinale prescritto anti-SARS-CoV-2 da almeno 14 giorni
2) esser guariti da COVID-19 (la validità del certificato di guarigione è pari a 180 giorni dalla data del primo tampone positivo
3) essersi sottoposti a tampone molecolare o antigenico effettuato nelle 48 ore prima dell’ingresso in Italia con esito negativo. I minori al di sotto dei 6 anni sono esentati dall’effettuare il tampone pre-partenza.
▶ aver compilato il Passenger Locator Form – Modulo di localizzazione digitale - prima dell’ingresso in Italia.
In questi casi non sono previsti periodi di isolamento.
Regno Unito o Irlanda: Controllo del passeggero che ha soggiornato o transitato nei quattordici giorni antecedenti all’ingresso in Italia nel Regno Unito o Irlanda in quanto sottoposto a limitazioni. A tutti coloro che hanno soggiornato o transitato nei 14 giorni antecedenti all’ingresso in Italia nel Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord (compresi Gibilterra, Isola di Man, Isole del Canale e basi britanniche nell’isola di Cipro) è fatto obbligo di:
▶ sottoporsi a test molecolare o antigenico nelle 48 ore antecedenti all’ingresso in Italia
▶ sottoporsi alla sorveglianza sanitaria e a un periodo di cinque giorni di isolamento fiduciario presso l'abitazione o la dimora indicata nella dPLF (EU Digital Passenger Locator Form)
▶ effettuare un ulteriore test molecolare o antigenico al termine dei cinque giorni di isolamento fiduciario.

Elenco D Australia, Nuova Zelanda, Repubblica di Corea, Ruanda, Singapore, Tailandia, Giappone, Canada e Stati Uniti nonché gli ulteriori Stati e territori a basso rischio epidemiologico, che verranno individuati con ordinanza, tra quelli di cui all'Elenco E.
Regole specifiche sono state adottate per gli ingressi dal Giappone, Canada e Stati Uniti.

Elenco E - Tutti gli Stati e territori non espressamente indicati in altro elenco. Da questi Paesi non è possibile entrare in Italia per motivi di turismo.
N.B. Per poter entrare in Italia dai paesi in Elenco E non è necessario richiedere alcuna autorizzazione al Ministero della Salute; infatti le motivazioni di ingresso vanno dichiarate e comprovate mediante modulo di autodichiarazione dPLF.
Albania (esempio Tirana) o altro paese Elenco E in quanto sottoposto a limitazioni.
A tali passeggeri è fatto obbligo di:
▶ Sottoporsi a tampone molecolare o antigenico effettuato nelle 72 ore prima dell’ingresso in Italia e il cui risultato sia negativo
▶ compilare il Passenger Locator Form – Modulo di localizzazione digitale - prima dell’ingresso in Italia
▶ sottoporsi ad isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria per 10 giorni
▶ sottoporsi al termine dell’isolamento di 10 giorni ad un ulteriore tampone molecolare o antigenico
▶ raggiungere la propria destinazione finale in Italia solo con mezzo privato
▶ Vige l’obbligo, inoltre di comunicare immediatamente il proprio ingresso in Italia al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio all’azienda sanitaria locale
Regole specifiche sono state adottate per il Brasile e l'India, Bangladesh e Sri Lanka (per questi Paesi non è possibile applicare le medesime condizioni previste per i Paesi in Elenco E)

Ulteriori informazioni:

▶ Tutti i casi positivi saranno posti in isolamento contumaciale e se non è possibile in un posto indicato dal caso stesso, si attiva il trasferimento presso covid hotel
▶ Tutti i soggetti negativi provenienti da Londra e da Tirana devono essere posti in quarantena rispettivamente di 5 e di 10 gg e se non è possibile in un posto indicato dal soggetto stesso, si attiva il trasferimento presso covid hotel
▶ Tutti i soggetti negativi che devono fare la quarantena devono utilizzare il mezzo proprio per raggiungere la sede di isolamento indicata nel dPLF
▶ Tutti i soggetti negativi che devono fare la quarantena presso covid hotel saranno accompagnati con mezzo della Croce Rossa Italiana 
▶ Tutti i soggetti positivi che devono fare l’isolamento contumaciale presso covid hotel vi saranno accompagnati con mezzo della Croce Rossa Italiana

 

 

Data aggiornamento: 02-09-2021
Top